La vera ricchezza

Eccomi di nuovo qua…

In questi ultimi tempi sto scrivendo un po’ meno – o comunque pubblico di meno

Il mio “vero” lavoro mi ha impegnato nei mesi scorsi con la scrittura di un grosso progetto.

È veramente una sensazione di profonda soddisfazione portare a termine un impegno, specialmente quando sei stato tu a proporlo, a combattere per esso, a cercare i collaboratori, a documentarti e a scriverlo.

Lo scoglio che ti si para davanti non è mai insormontabile, al massimo può esserlo la tua volontà di scavalcarlo.

Ma non è di questo che vorrei scrivere oggi.

Ieri mi è arrivato un messaggio da una persona che non conosco personalmente, la quale mi ringraziava per la “meravigliosa saggezza” che trapelava dai miei articoli.

Non nego che riceverlo mi abbia fatto un enorme piacere e che mi abbia dato un forte stimolo a rimettermi alla tastiera per continuare la mia opera, strettamente personale, di diffusione delle mie idee e della mia visione della Vita.

Perché vedete, l’unico motivo che mi abbia sempre spinto a scrivere è di poter contribuire, seppur minimamente, al benessere dell’umanità.

Potrebbe sembrare un motivo ambizioso, forse al di là della portata di un “semplice” essere umano, ma la società che vediamo e in cui viviamo è fatta da ognuno di noi, dai suoi pensieri, dalle sue azioni, dalle sue parole, dal modo in cui interagisce con gli altri, da come porta avanti il suo lavoro, da come e quanto sia aperto al confronto e all’accoglienza dell’altro, momento per momento.sssssss

Credo che ogni persona abbia un certo “dovere” in questo senso. Il solo fatto di esistere ci dona tanti diritti, primo tra tutti quello alla felicità, ma anche tanti doveri, primo tra tutti quello di contribuire positivamente al benessere di tutti.

Purtroppo, quello a cui assistiamo sempre più, nella nostra società così individualista e solitaria, nonostante i tanti “social”, è un continuo aumento dell’egoismo, del conflitto, della lotta per le briciole della Vita, di una difesa estrema del proprio piccolo giardinetto, vedendo nemici da tutte le parti.

Difendiamo la nostra illusoria ricchezza occidentale dagli attacchi che sempre più subiamo mascherati da scontri religiosi, quando di religioso proprio non c’è alcunché.religious-world-war

Dimentichiamo facilmente la storia, o nemmeno la conosciamo, sul perché ci troviamo a difenderci, dopo secoli passati ad attaccare unilateralmente popoli pacifici che vivevano in territori ricchi di risorse.

La nostra Europa, così ricca di talenti e ingegno, ma profondamente povera di risorse naturali, è sempre andata a rubare a giro per il mondo con il pretesto di esportare la nostra cultura e la nostra civiltà.

Siamo davvero così ricchi?

Spesso mi chiedo di quanti soldi abbia veramente bisogno una persona per vivere serenamente, con se stessa e con gli altri.

Spesso mi chiedo cosa farei io se da un giorno all’altro dovessi diventare immensamente ricco.

La mia Vita, le mie esperienze e le mie ricerche mi hanno portato a comprendere che la vera ricchezza di una persona non sta nei soldi e nelle proprietà che possiede, ma nell’ampiezza del suo cuore.

La ricchezza è una scelta che va ben oltre il nostro conto in banca. 13259063_581437592037525_100026067_n

Arricchendo il nostro cuore, agendo concretamente e disinteressatamente per il benessere di tutti, la Vita ci fornirà abbondantemente ciò di cui abbiamo bisogno per vivere serenamente. Dobbiamo affinare i nostri desideri, comprendere profondamente ciò di cui abbiamo veramente bisogno e scartare il superfluo, che al momento occupa gran parte della Vita di molti.

 

 

Io mi considero una persona che tende all’essenziale, e che si concede, di tanto in tanto, qualche lusso, perché la Vita è abbondanza, ma non avidità.

Siamo ricchi quando abbiamo ciò ci cui materialmente necessitiamo per vivere, ma soprattutto quando la nostra Vita è in grado di aprirsi alla Vita stessa, quando siamo in grado di condividere con gioia ciò che abbiamo con gli altri.

Come mai chi possiede tanto da un punto di vista materiale, usa tutto (o quasi) di ciò che ha solo per se stesso?

Perché molte persone hanno il bisogno di ostentare al mondo la loro ricchezza materiale?

Perché tante, sempre più persone, sognano di fare soldi per poter fuggire da questa società che loro stessi hanno contribuito a creare?

Perché abbiamo bisogno di usare gli oggetti per sentirci migliori e più importanti di altri?

La risposta è semplice, perché la nostra società è impostata così, sull’esteriorità, sulla proprietà, sul confronto e sul giudizio continuo. Siamo bombardati da messaggi di ricchezza esteriore, sia da chi governa il mondo, dai personaggi pubblici, dalle pubblicità, e anche da chi avrebbe fatto “voto di povertà”.

Ciò che vediamo in TV e leggiamo nei giornali è un continuo alimentare la divisione tra gli esseri umani e poi ci lamentiamo se coloro che abbiamo derubato per secoli si rivoltano contro i loro oppressori.

Ma se scoviamo un ladro in casa nostra non esitiamo ad usare ogni mezzo per difenderci; se qualcuno ci deruba lo andiamo a cercare per farci restituire il maltolto. Lo vogliamo per noi, non lo accettiamo se siamo noi i ladri.

Non voglio dilungarmi ulteriormente, ma vorrei solo dare un piccolo spunto di riflessione, anche in seguito agli ultimi tremendi avvenimenti che hanno dimostrato quanto la nostra apparentemente ricca e sicura società sia in realtà profondamente povera e debole.

L’Europa è un continente, in confronto all’Africa e all’Asia, povero di risorse naturali. Ciò che abbiamo adesso proviene da secoli di ruberie, torture, uccisioni, ingiustizie e oppressioni che abbiamo perpetrato a discapito di pacifici popoli nel mondo. È storia, basta studiare un po’..

Nonostante la sua apparente ricchezza, il solo fatto che abbiamo impostato la nostra società sul denaro e sui possedimenti materiali dimostra quanto poveri ancora noi siamo.

E come dice il buon vecchio Oscar Wilde: C’è una sola classe della umanità che tiene al denaro molto più dei ricchi: i poveri.

I ricchi, quelli veri, di cuore, usano il denaro che hanno per migliorare la Vita di tutti. Perché solo se gli altri sono felici anche io posso esserlo; solo contribuendo al miglioramento della società globale avremo una vera sicurezza, pace e ricchezza reale, per tutti, condivisa.

E questo si crea giorno per giorno, con ciò che abbiamo, con le nostre parole, i nostri pensieri, le nostre azioni.

Anche se pensiamo di essere i soli a farlo, in realtà non lo siamo. Sempre più persone decidono di camminare sul sentiero dell’Amore, della condivisione, della giustizia sociale e dell’equità.

Non può esserci pace senza Amore nel cuore

quote-true-happiness-brings-more-richness-than-all-the-money-in-the-world-mahatma-gandhi-79-64-53

Buon cammino

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...